Se state cercando un avvocato italiano in Germania per un recupero crediti, il seguente articolo può interessarvi. Andremo ad illustrare le procedure europee e tedesche a disposizione del creditore. Con taglio pratico verranno inoltre fornite indicazioni sui tipi di azioni legali esperibili in Germania.

Recupero crediti in Germania: innanzitutto la fase stragiudiziale

Se avete necessità di recuperare un credito in Germania ad es. per un fornitura di merce non pagata, si consiglia di esperire sempre un ultimo tentativo stragiudiziale tramite uno studio legale con sede in Germania, prima di rivolgersi al giudice.

L’importanza della messa in mora nel recupero crediti in Germania

La fase stragiudiziale inizia con la trasmissione della messa in mora, indirizzata al debitore, contente la richiesta di pagamento ovvero con la quale si espone una pretesa, accompagnata dalla “minaccia” di un’azione legale in caso di mancato pagamento o mancata reazione.

Anche se sono state già inoltrate diverse richieste di pagamento – magari tramite il legale di fiducia in Italia – non nuoce inviare un ulteriore messa in mora, ma questa volta a firma di un avvocato in Germania.

La messa in mora dell’avvocato in Germania

Ciò in quanto:

  • innanzitutto la messa in mora stragiudiziale verrà formulata in tedesco tramite un modello compreso dal debitore e direttamente riproducibile in giudizio senza necessità di ulteriori traduzioni;
  • il debitore riceve la diffida da uno studio legale con sede in Germania, quindi percepisce  la minaccia concreta di dover affrontare una causa imminente in Germania.

Insomma, questa volta non vi è più spazio per temporeggiare.

Come reagisce il debitore

Di solito un mancato pagamento trova la sua causa in una mancanza di liquidità ovvero perché vi sono delle contestazioni.

Se vi sono contestazioni, è possibile aprire una trattativa e addivenire ad un chiarimento o raggiungere un accordo.

In caso di crisi di liquidità?

Se vi è una crisi di liquidità, il debitore potrebbe anche non reagire alla messa in mora del creditore.

Tuttavia, se il debitore è in grado quanto meno di pagare anche una parte dell’importo a rate, cerca sempre di addivenire ad un accordo di rientro, piuttosto che affrontare le conseguenze pregiudizievoli e l’aggravio di spesa derivanti da un giudizio o da un’esecuzione forzata in Germania.

Quando è necessaria una consulenza preliminare

In alcuni casi conviene preliminarmente procedere ad una consulenza prima di intraprendere la fase stragiudiziale.

Ciò avviene in particolare quando il contratto non era stato redatto con chiarezza ovvero quando i fatti alla base della pretesa sembrano incerti e contraddittori.

A titolo di esempio, se il contratto contiene una clausola che disattiva il diritto a richiedere un’indennità, converrà prima indagare se tale clausola sia stata validamente apposta.

Le questioni chiave del diritto internazionale sono due:

In tema di recupero crediti in Germania bisogna sempre fare i conti con le principali questioni del diritto internazionale, ovvero l’individuazione del  giudice competente e del diritto applicabile

Tribunale tedesco o italiano?

Nei casi di contenzioso tra imprese italiane e tedesche, si rende necessario accertare quale giudice è competente a decidere della controversia. In altre parole, a quale Tribunale, se a quello italiano o tedesco, sia riconducibile la giurisdizione internazionale su quel caso.

Normalmente è agevole capire presso quale giudice bisogna incardinare la causa, ma non mancano casi incerti.

Ciò accade soprattutto quando le parti hanno redatto i contratti in maniera imprecisa o quando l’esecuzione del contratto si è sviluppata in modo non lineare.

Es. le parti stabiliscono in varie clausole che è competente il giudice tedesco, ma poi cancellano alcune di queste, manifestando quindi – almeno in parte – una volontà contraddittoria.

Diritto applicabile?

Anche la questione del diritto applicabile alla vicenda e quindi diritto tedesco o italiano e/o in combinazione con il diritto materiale della Convenzione di Vienna 1980 (CISG) può avere risvolti pratici notevoli.

Per esempio, la pretesa al pagamento di una fornitura merci sottoposta al diritto italiano si prescrive in 10 anni, laddove secondo il diritto tedesco si prescriverebbe in 3 anni.

In termini pratici, si pensi ad una controversia sottoposta al diritto italiano sulla quale viene chiamata a decidere la Corte tedesca. Bisognerà in qualche modo che il giudice tedesco applichi la legge dell’ordinamento italiano..

Le azioni legali a disposizione per un recupero crediti in Germania

Se avete un credito da recuperare in Germania, si offrono alternativamente tre tipologie di procedimenti:

  • La causa ordinaria
  • Il decreto ingiuntivo europeo
  • La procedura europea di recupero crediti di modesta entità, per i crediti sotto fino a 5000 €.

I pro e i contro secondo esperienza

Tutte le procedure offrono contemporaneamente vantaggi e svantaggi, da valutare a seconda del caso.

Pertanto non è possibile – in astratto – consigliare di ricorrere all’una piuttosto che all’altra, senza esaminare preliminarmente il caso concreto.

In generale possiamo tuttavia evidenziare quanto segue:

La causa ordinaria in Germania

La causa civile ordinaria in Germania appare più rapida ed efficiente del processo italiano.

Il processo italiano, infatti, si presenta intrappolato in rigidi formalismi ed ha dei tempi di sicuro più lunghi (si pensi al termine di 150 giorni tra la notifica e la prima udienza nel caso di convenuto all’estero). Tempi che si allungano ulteriormente ogniqualvolta il giudice deve decidere su un’istanza o si deve ripetere un’attività.

Il giudice tedesco, poi, – pur sempre in posizione di imparzialità – a differenza del giudice italiano, può chiedere per iscritto chiarimenti alle parti sui fatti e sulle pretese azionate e può trasmettere direttive a carattere giuridico.

Ad es. Il Tribunale non è convinto della legittimazione attiva del convenuto…si prega di depositare il seguente documento.

Ciò consente di risolvere rapidamente e in anticipo molte questioni preliminari, che altrimenti si trascinerebbero sino alla fine del processo.

Dalle indicazioni del giudice tedesco, talvolta si intuisce in anticipo, già prima dell’udienza, che non si hanno molte chance di vittoria. Ciò consente di ritirarsi dalla causa oppure di puntare ad un accordo con la controparte, con notevole risparmio di costi e tempi.

Il vantaggio della prima udienza conciliativa

Anche la prima udienza a carattere conciliativo è un tratto peculiare del procedimento tedesco.

Qui il giudice attivamente, anche fornendo spunti di soluzione, spinge le parti a trovare un accordo.

In tema di recupero crediti, tuttavia, il pregio della causa ordinaria in Germania, risiede nel fatto che il convenuto chiamato in giudizio è costretto a costituirsi e a prendere posizione, altrimenti rischia una sentenza contumaciale e la perdita del processo.

Quando pertanto si è sicuri della propria pretesa, soprattutto per ragioni di celerità, conviene puntare alla causa ordinaria in Germania piuttosto che allo strumento del decreto ingiuntivo europeo.

Decreto ingiuntivo europeo

L’ingiunzione di pagamento europea è un procedimento semplificato, basato su moduli standard, per i crediti pecuniari transfrontalieri che non sono contestati dal convenuto.Qui il link del portale europeo per maggiori informazioni.

Quando conviene ricorrere al decreto ingiuntivo europeo?

La procedura di ingiunzione rappresenta una valida alternativa alla causa ordinaria ed è tra le più usate nel recupero crediti transfrontalieri in Germania.

Tuttavia mentre con la causa ordinaria il creditore sfida il debitore “in campo aperto” costringendolo a presentarsi in giudizio e a prendere posizione sui punti della pretesa attorea, tramite la procedura di ingiunzione europea, il creditore compilando un semplice modulo, con costi dimezzati e allegando solo i documenti essenziali, notifica tramite il giudice un’ingiunzione di pagamento.

Il debitore, entro un breve termine, è costretto a pagare oppure ad opporsi. Se si oppone il procedimento prosegue nelle vie ordinarie.

Gli svantaggi del decreto ingiuntivo europeo

Il decreto ingiuntivo europeo è uno strumento che sulla carta dovrebbe essere rapido, tuttavia nella pratica può anche rivelarsi piuttosto lento. Si pensi ai casi in cui il Tribunale richiede dei chiarimenti e  ciò ritarda di mesi l’emissione del decreto.

Oppure si pensi al Tribunale adito che tenta di notificare l’ingiunzione ma senza successo. Possono trascorrere mesi.

L’opposizione tramite formulari

Un’altra nota negativa risiede nel tipo di opposizione concessa al debitore, che senza addurre le proprie ragioni può opporsi compilando un formulario.

Tuttavia, in questo caso la causa procede in via ordinaria presso il tribunale competente, ma ciò implica ulteriori lungaggini.

La procedura europea di recupero crediti di modesta entità

Questa procedura, a metà strada tra la causa ordinaria e il decreto ingiuntivo, si è rivelata nella pratica piuttosto veloce ed efficace. Per maggiori approfondimenti il link del portale europeo.

Si svolge esclusivamente in forma scritta oppure con udienza. In questo procedimento, a differenza della procedura monitoria, il debitore è costretto a presentarsi in giudizio e ad argomentare le proprie ragioni. Insomma, la controparte è messa con le spalle al muro.

Se il debitore non si presenta perderà la causa (ammesso che la pretesa dell’attore risulti fondata).

La sentenza, al pari di un decreto ingiuntivo europeo, è direttamente applicabile in tutti gli stati europei.

Nella pratica si è rivelata molto efficace nel recupero crediti in Germania, peccato che questo procedimento sia limitato alle controversie di valore non superiore a 5000 euro.

Vale la pena di ricordare che se questo procedimento viene attivato in Germania, soggiace anche alle regole del codice di procedura civile tedesco e si svolgerà in lingua tedesca.

 

Avvocato italiano in Germania

Se avete un credito da recuperare in Germania, state cercando un avvocato italiano in Germania ovvero semplicemente desiderate informazioni sul diritto civile tedesco, potete contattare il nostro studio.

Tramite avvocati di formazione italiana e tedesca rappresentiamo i nostri clienti di fronte a tutte le Corti tedesche.L’assistenza legale è sempre in italiano. Per ulteriori informazioni: info@avvcuocolo.com / italienischesrecht@gmail.com