,

Lavoro in Germania: differenza tra Aufhebungsvetrag e Kündigung (licenziamento)

Lavoro in Germania: differenza tra Aufhebungsvertrag e Kündigung (licenziamento)

Sia l’Aufhebungsvertrag che il licenziamento portano alla conclusione del rapporto di lavoro, tuttavia diverse sono le conseguenze che ne derivano.

Con il presente articolo si illustreranno, in sintesi, i tratti salienti delle due figure e si indicherà a cosa bisogna fare attenzione.

 

AUFHEBUNGSVERTRAG – risoluzione consensuale del rapporto di lavoro:

L’Aufhebungsvertrag è un patto – scritto – con il quale il datore di lavoro e il lavoratore decidono insieme di far terminare il rapporto di lavoro. Le condizioni sono quelle stabilite nel contratto stesso, che può prevedere il riconoscimento di un’indennità, il rilascio di un’Arbeitszeugnis (lettera di referenze) positiva o su un testo concordato.

 

Ho diritto alla disoccupazione se firmo l’Aufhebungsvertrag?

L’Aufhebungsvertrag non fa perdere il diritto alla disoccupazione, tuttavia può condurre ad una sospensione (Sperrzeit) nell’erogazione del sussidio di disoccupazione, sino a 120 giorni.

(la ragione è questa: con la sottoscrizione dell’Aufhebungsvertrag è il lavoratore stesso a rescindere di sua volontà il rapporto di lavoro).

 

KÜNDIGUNG – Licenziamento:

La Kündigung invece è il licenziamento, tramite il quale il datore di lavoro decide unilateralmente – e quindi senza interpellare il lavoratore – di licenziarlo. La Kündigung necessita sempre la forma scritta (§ 623 BGB) e può essere innanzitutto riconducibile a due grosse categorie:

-licenziamento ordinario (ordentliche Kündigung)

-licenziamento straordinario (außerordentliche Kündigung)

Licenziamento ordinario (ordentliche Kündigung):
in tale caso il licenziamento non è subito efficace, infatti, dopo essere stato ricevuto dal lavoratore, diventa efficace trascorso un certo periodo di tempo stabilito dalla legge. Quindi solo dopo che è trascorso tale periodo, si dovrà abbandonare il posto di lavoro.

Il periodo di tempo che intercorre tra il ricevimento del licenziamento e il momento in cui il rapporto di lavoro termina, si chiama Kündigungsfrist.

Come bisogna comportarsi durante questo periodo?

Il lavoratore deve continuare a lavorare, mentre il datore di lavoro è tenuto a pagare il salario.
Tuttavia nell’ipotesi del “Freistellung”, il lavoratore è dispensato dal lavoro, ma mantiene il diritto alla retribuzione (per esempio un datore di lavoro potrebbe avere interesse a che il lavoratore, durante il Kündigungsfrist, non resti a contatto con gli altri dipendenti in azienda).

Questa forma di licenziamento – di solito, ma non sempre – è prevista solo per i rapporti di lavoro a tempo indeterminato.

Esempio di ordentliche Kündigung:
Una clausola tipica potrebbe essere così formulata “Ich kündige hiermit das zwischen uns bestehende Arbeitsverhältnis unter Einhaltung der vertraglichen Kündigungsfrist von 2 Monaten zum 31.10.2016“

Licenziamento in tronco (außerordentliche Kündigung):

qui il licenziamento funziona per lo più come il “cartellino rosso” nel calcio, infatti – di regola – si tratta di un licenziamento subito efficace (fristlose Kündigung), cioè senza preavviso, che costringe ad abbandonare la posizione di lavoro immediatamente.

Si fa ricorso a questa forma di licenziamento in alcune particolari e gravi ipotesi (si pensi al lavoratore che viene scoperto a rubare in azienda), se sussiste un “wichtigen Grund” ovvero la giusta causa.

Nel prossimo articolo trattiamo i vantaggi e gli svantaggi dell’Aufhebungsvertrag, dal punto di vista del lavoratore e del datore di lavoro e approfondiremo tutte le tematiche sul diritto del lavoro tedesco.

Se hai bisogno di consulenza sui licenziamenti in Germania, utilizza il modulo sottostante per contattarci.

[contact-form][contact-field label=’Nome’ type=’name’ required=’1’/][contact-field label=’E-mail’ type=’email’ required=’1’/][contact-field label=’Commento’ type=’textarea’ required=’1’/][/contact-form]

19 commenti
  1. Milenca Stiac dice:

    Buongiorno. Per vari motivi mi sono licenziata da un ristorante italiano da un giorno l’altro.( il 3 ottobre) Con la rabbia ho
    detto che da domani non vengo piu a lavorare pero giorno dopo con la calma volevo fare il preavviso di 2 settimane come era scritto in contratto (anche se io contratto non ho mai vista e firmata) pero per il loro orgoglio mi e venuta respinta. Adesso ho chiesto di farmi il licenziamento come se mi avesse licenziato lui. Fino adesso non me la fatta ancora . Comunque me lo vuole fare dal 15-30 settembre. Io vorrei solo sapere se va bene lo stesso??? Poi non e tardi se lo voglio portare al Jobcenter?? Grazie mille.

  2. Davide Cuocolo dice:

    Buongiorno Sig.ra Stiac, innanzitutto per una questione così delicata La invito a contattare la segreteria dello studio per un appuntamento di consulenza legale, anche perchè la vicenda si presenta complessa e bisogna verificare alcune circostanze.
    Ad ogni modo il licenziamento in Germania – di regola – anche se non manca giurisprudenza di senso contrario – deve essere sempre scritto e non verbale, altrimenti non è valido. Quindi anche le Sue dimissioni potrebbero non avere valore legale..per certi versi.

    Ulteriormente se non avete un contratto scritto bisognerà esaminare i termini di legge per quanto riguarda il licenziamento mentre quanto alla validità di un licenziamento espresso in data odierna (14 ottobre) ma che retroagisce di un mese, sinceramente non mi sembra un’operazione regolare, al di là delle questioni con il Job Center.
    si rivolga ad ogni modo all’Arbeitsagentur per chiarimenti.
    Cordiali Saluti

  3. Rocco dice:

    Buonasera dr. Cuocolo. Avendo un contratto Aufhebungsvertrag qua in Germania, una volta tornato in Italia si ha diritto alla disoccupazione italiana? La ringrazio per il lavoro svolto all’interno del sito e, in attesa di una risposta, le auguro una buona giornata.

  4. Josephine dice:

    Buonasera signor Cuocolo
    il mio ragazzo ha trovato un impiego migliore che inizierebbe il 2 gennaio ma sul contratto c’è scritto che ha l’obbligo di due mesi di preavviso ma io ho letto che sono solo due settimane, vorrei sapere ufficialmente quanto è il preavviso durante un periodo di prova? E anche se è possibile fare un Aufhebungsvetrag con il proprio datore di lavoro in modo di essere subito liberi da ogni vincolo
    Aspetto al più presto una sua risposta è la ringrazio anticipamente

  5. Davide Cuocolo dice:

    Buonasera, stando a quanto mi dice, temo che valga il termine di preavviso previsto dalle parti nel contratto, quindi 2 mesi e non due settimane.

    In fase di prova è tecnicamente possibile sciogliere il rapporto di lavoro in forma consensuale, quindi con lo strumento dell’Aufhebungsvertrag, anche se di solito non viene utilizzato per tale fine in questi casi (Aufhebungsvertrag in der Probezeit).

  6. Davide Cuocolo dice:

    Buonasera sig. Rocco, preliminarmente vorrei precisare che l’Aufhebungsvertrag è una forma di risoluzione del contratto consensuale, può condurre ad una breve sospensione dell’erogazione del sussidio di disoccupazione in Germania in alcuni casi, ma per il resto non incide sulla materia.

    In linea di principio Lei può sommare i contributi versati in Germania e farli valere anche in Italia.

  7. Loris Benedetti dice:

    Buonasera dr.Cuocolo
    Gentilmente avrei un quesito da sottoporle : ho una decina di giorni di ferie riportate dall’anno precedente, se dovessi licenziarmi avrei diritto a godere delle ferie durante le due settimane del periodo di preavviso ? oppure il mio datore di lavoro può obbligarmi a lavorare e le ferie mi vengono liquidate nell’ultima busta paga ?
    Anticipatamente la Ringrazio per la sua risposta
    cordiali saluti
    Loris Benedetti

  8. Davide Cuocolo dice:

    Buonasera, per un quesito del genere non posso prescindere dall’esame del Suo contratto di lavoro e di tutte le circostanze del caso. Pertanto La invito a prendere contatto con la segreteria oppure a scrivermi al mio indirizzo e-mail per richiedere una consulenza.
    saluti

  9. Malcolm dice:

    Gentilissimo Dr. Cuocolo,

    lavoro a Monaco e sto per presentare le dimissioni con preavviso (3 mesi altrimenti sarei stato costretto a restituire il Weihnachtsgeld – ultimo giorno di lavoro sarebbe il 30 Aprile) per poi tornare in Italia.
    Avrei due domande:

    1. Noi riceviamo 3 bonus l’anno legati ai risultati raggiunti dall’azienda: uno con lo stipendio di marzo, uno con lo stipendio di Agosto e il Weihnachtsgeld. Riceverei ugualmente il bonus di Marzo nonostante le dimissioni?

    2. Durante questi tre mesi, è comunque possibile per il datore di lavoro licenziarmi in tronco? E in tal caso come si comporta lo Stato? (me lo chiedo considerando che dovrei comunque pagare gli ultimi tre mesi di affitto prima del trasferimento e senza stipendio mi verrebbe un po’ difficile..)

    Grazie per la Sua disponibilità e attenzione e buona giornata.

    Cordiali saluti

  10. Maria dice:

    Salve avrei una domanda
    Oggi ho presentato il licenziamento al mio capo con krankmeldung ma solo per una settimana
    In teoria la prossima settimana dovrei presentarmi a lavoro ma io non ci voglio più mettere piede
    Cosa succede se non mi presento a lavoro?

  11. Davide Cuocolo dice:

    Buonasera, per risponderLe avrei bisogno di analizzare il contratto e la Sua documentazione, di regola Lei sarebbe obbligata a fornire la prestazione di lavoro.

  12. Asta maria dice:

    Buona sera.non so se leggerete questo mio messaggio di aiuto.i primi di giugno vengo in germania per le ferie visita per caso un’agenzia di lavoto mi fa un contratto per lavoratrici presso una fabricadove inizio immediatamente a lavorare. Così con il lavoro finalmente mi potevo realizzare economicamente lasciato la mia realtà in Italia mi affitto la casa facendo tra l’altro altre spese.in fabrica da subito ho sentito che non ero ben accetta da parte del responsabile di repartoil quale per non avermi fra i piedi mi affida ad un collega anch’esso tedesco.premetto che non parlando il tedesco riuscivo a fare il lavoro che mi competeva comunque visto che questo collega a cui io ero stata affidata mi faceva vedere come dovevo impostare i pezzi.lasciando perdere i particolari questo collega penso volutamente mi ha mostrato come procedere dandomi indicazioni contrarie.ho cercato di giustificarsi con il capo squadra il risultato è stato che l’indomani ho ricevuto una chiamata dell’agenzia che mi doveva notificare il licenziamento immediato.mi ritrovo adesso in una gravissima situazione inquanto ho casa da pagare tutto il resto è nel mio paese non ho più quel poco di sostentamento che vi avevo.sono sicura che tutto ciò è stato fatto contro di me di proposito è perché erano razzisti il capo squadra di quel collega.vi chiedo adesso…cosa faccio?

  13. Chiara dice:

    Buongiorno Dr. Cuocolo,
    lavoro in Germania ed ho un contratto a tempo indeterminato. Mi è stato “proposto” per non dire intimato dall’azienda di acconsentire alla firma di un Aufhebungsvertrag.
    Lunedi ho un meeting per parlarne. Vorrei sapere quanti giorni di tempo ho per esaminare il documento, proporre eventuali modifiche (negoziare) e se è possibile anche ripensarci (e non firmarlo).
    Un’ultima domanda: se mi rifiuto di firmarlo, cosa succede?
    Grazie mille

  14. Davide Cuocolo dice:

    Buongiorno, impossibile rispondere con precisione alle sue domande senza esaminare il contratto di lavoro e il contratto di risoluzione (=Aufhebungsvertrag) in sede di consulenza, oltre a tutte le circostanze del caso.
    Di regola la possibilità di firmare e/o o modificare l’Aufhebungsvertrag è lasciata alla trattativa delle parti..quindi non esistono regole precise e bisogna valutare caso per caso. L’intervento dell’avvocato talvolta può chiarire quali sono gli spazi di manovra concessi al lavoratore, le possibilità di ottenere vantaggi e le conseguenze di una mancata firma. Se non firma il contratto di risoluzione in genere il rapporto di lavoro continua salvo ricevere licenziamenti, con l’Aufhebungsvertrag dicamo che il suo datore di lavoro le offre la possibilità di chiudere il rapporto in maniera consensuale.

  15. Augimeri Martina dice:

    Salve Dr. Cuocolo ho una domanda da porle. La storia è un po’ complicata. A maggio il mio fidanzato si è licenziato da un’azienda con la normale Kündigung avendo trovato di meglio dopodiché ha lavorato per questa nuova ditta 3 mesi ma purtroppo ha avuto dei problemi di salute e ha dovuto firmare l’ Aufhebungsvertrag; ha subito dopo iniziato in un’altra ditta ma questa dopo circa 1 mese e mezzo l’ha licenziato.. ha diritto all’identità di disoccupazione avendo cambiato 3 ditte??

  16. Davide Cuocolo dice:

    Buongiorno, il presupposto della disoccupazione è l’aver lavorato per un determinato periodo di tempo e ovviamente non in nero. Anche se ha cambiato ditta o addirittura ha lavorato in parte in Italia e in parte in Germania potrà comunque sommare i periodi di contributi per chiedere la disoccupazione.

  17. Nicola dice:

    Buongiorbo Dr. Cuocolo

    Io ho fatto una stagione lavorativa in una gelateria senza contratto, pochi giorni fa ho finito di lavorare su comune accordo sia senza Aufhebungsvertrag che Kündigung, ricevendo solo le buste paga.

    Ho cmq in totale lavorato piu di 12 mesi negli ultimi due anni, posso recarmi lo stesso all Agentur fur arbeit per provare a chiedere l Arbeitlosengeld 1 o devo andare al JOB CENTER ?
    Penso di dovermi registrare cmq da qualche parte in quanto disoccupato, anche per regolarmi con la copertura
    dell assicurazione sanitaria.
    Qual è secondo lei la procedura migliore nel mio caso ?

    Cordiali saluti

  18. Davide Cuocolo dice:

    Buongiorno,

    se non ha lavorato in nero – quindi se Le sono stati versati i contributi e la Sua posizione era stata registrata – ha diritto alla disoccupazione (qui l’organo competente è l’Arbeitsagentur).

    Se ha lavorato in nero non avrà diritto alla disoccupazione.

    Il Jobcenter invece si occupa dell’Hartz IV ovvero del sussidio che può essere richiesto – dopo la disoccupazione – nel caso in cui Lei non guadagni abbastanza per vivere.

    Saluti
    Studio Legale

  19. Andrea dice:

    Salve lavoro in Germania da 2 Anni adesso vorrei tornare in Italia posso richiedere la disocupazione qui in Germania lasciando il Conto in banca aperto e tornare in Italia. Grazie attendo risposta

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.